Fa un soffocotto a uno sconosciuto sul bastione: aiutatemi a ritrovarlo

Ketty aveva fatto una scommessa con le amiche bagassotte, ma la storia ha preso una piega inaspettata..

Ketty Possino, 19enne del continente, è una tipa con le idee chiare.

Così, giunta a Chiagliari in vachianza ha subito detto alle sue amiche «Salirò in cima al Bastione e farò una pompa al primo che capita». Una delle solite scommesse per divertirsi in vacanza, insomma. Ma a quanto pare la cosa si è trasformata in qualcosa di molto più mincheguaglia.

«Sarà il più grande rimpianto della mia vita, se non lo farò», aveva dichiarato Ketty alle sue compagne di viaggio. Arrivata in cima al monumento più ti caghi della chiapitale della Sardegna, la ragazza ha visto un pusher e gli ha chiesto se gli poteva cortesemente fargli un chinotto.

Il tutto è stato documentato e condiviso, ovviamente, con un video pubblicato su Instagazz.

A Paoletto, questo il nome dello spacciatore, è stato anche concesso un bis, perché anche la mamma della ragazza voleva vedere coi suoi occhi, in videochiamata.

Qualche giorno dopo, tornata a Civitagiovane, si é finalmente decisa a ritrovare il bel Paoletto, di cui conosceva solo il nome, lanciando un’autentica caccia alla minca sul web tramite l’hashtag: #ritrovatelapillettadiPaoletto.

E gli internauti del mondo l’hanno accontentata, rintracciando Paoletto al Mc Donalds di via Bacaredda in fame chimica.

Purtroppo, però, la brutta scoperta: Paoletto é ghei e quel giorno si é fatto s***pinare solamente perché era sfatto ammerda e Ketty le sembrava un maschio.

Insulta la Lucarelli su Facebook: capo lo promuove da saldatore a vicepresidente

lucarelli

Porto Toner: si chiama Tore Salda il 32enne saldatore sardo che, nel giro di pochi giorni, é diventato il nuovo vicepresidente della “Santa Sarda Salda Essepià”.

Tore, appassionato di social e admin del celebre gruppo Facebook “Seghe Bitter e Agricoltura”, avrebbe insultato la journalist del Fatto Quotidiario, Selvaggia Lucarelli, definendola una “Belèn”.
L’ex concorrente della Fattoria, dopo avergli dedicato un post lungo 433 kilometri su Facebook, non ci ha pensato sei volte prima di telefonarlo, in diretta radiofonica, con l’intento di fargli perdere ragazza, verginità anale e posto di lavoro.

Tore, convinto che si trattasse di uno scherzo di un Giannetto, il suo vicino di terreno, ha risposto con rutti e peti a ripetizione. La Lucarelli, ancora più adirata, ha subito chiamato il presidente della Sarda Sarda, John Peter Capoccioni, il quale, dopo aver sentito la storia, ha cominciato a ridere e ha promosso, in diretta, il suo dipendente, aumentandogli lo stipendio da 700 a 7mila euro, più macchina aziendale e buoni pasto da 100 euro al giorno.

Tore, qualche giorno dopo, ha nuovamente scritto un post su Facebook, taggando la giornalista e definendola una “Belèn al quadrato”.
Sta ancora aspettando la sua chiamata, nella sua villa a Miami.

#fakenews

Restituisce 180mila euro – Mamma del Dibba: “Ma allora sei un coglione”

dibba

Alessandro Di Battista, detto Dibba!!1!, deputato del movimento 5 stelle, trascrive su Facebook un dialogo tra lui e la madre dove le spiega come mai, abbia deciso di restituire ai cittadini 178mila euro circa di tasca sua.

– Mamma Di Battista: ‘Alessandro ma è vero che guadagni 10.000 euro al mese? Manco la lavastoviglie a mamma hai comprato’.
– Io: ‘Scusa mamma ma dove l’hai letta questa stupidaggine? Scommetto dai i mass media controllati dal systema, dalle banke e dalle kase farmaceutike’
– Mamma: ‘Non lo so, non ho internet a casa’.
– Io: ‘Ma mamma l’ha detto Renzie, lui é un farzoo!’
– Mamma: ‘Ah, peccato, ci avevo creduto. Kaffe???’.
– Io: ‘Senti mamma piuttosto ti aggiorno, a luglio 2016 ho restituito 179.552,60 euro!’
– Mamma: ‘Ah, ma allora sei davvero un coglione. Come ho fatto a fare un figlio come te?’
– Io: ‘Sì mamma, hai ragione. Ma non mi sono fatto mancare nulla. Come sai ho donato in beneficenza 12mila e settecento euro ai bambini del biafrica, ho regalato un rene al consorzio dei disoccupati del Ruanda, sono andato in India ad aiutare i bambini a cucire palloni, senza farmi pubblicità e una volta ho mangiato la pizza al ristorante e ho comprato una bottiglia di vino bianco’.
– Mamma: ‘Appunto, sei un coglione. Ma vai a cercare la figa in discoteca o a pippare come fanno quelli della tua età’.
– Io: ‘Dai mamma, lo sai che voglio dedicare la mia vita alle le scie kimike e alle mandarli a kasa loro velocemente?’
– Mamma: ‘Ma il 28 sei a Roma?’
– Io: ‘No mamma, il 28 facciamo il “Restitution day” in una piazza di Firenze
– Mamma: ‘Allora posso venire a lanciarti le pietre assieme a Renzie e alla kasta?
– Io: ‘Solo se quando torno mi fai la minestrina di dado alla burda’
Mamma: ‘Merda ti faccio. Merda’.

Ligabue: «La colonna sonora di Radiofreccia ha 3 accordi uguali a tutte le mie canzoni»

colonna sonora

Ligabue: sul profilo ufficiale Badoo dell’artista è comparso una messaggio che avverte: «I 3 accordivi della colonna sonora di Radiofrecciava sono i 3 accordivi che utilizzo in tutte le altre canzonivi»

«Confrontare per credereve», questa la fine del post che è stato scritto sul social network (con tanto di hashtag #perchéve) dal rocker di Scorreggio.

Papafrancesco (da solo) in pescheria comprando mangiatutto.

Fish-shop copia

Bergoglio in una pescheria via della Lissa per sorpresa dei romani: «A quento le oratas? Cual?? Ma puerca de la puta empestada en carestia. Dame un kilo de magnatodos por favor, que es meglios. Costan pochito, lo friggos por pranzos y me riempie la panzas”

A chi gli ha fatto notare che era la prima volta che un Papa comprava mangiatutto, ha risposto con un sorriso: «Que cosa c’è de strano? Eh? Dove se compra el pescado si non en pescaderìa».

Sorpresa nel centro di Roma per la presenza di Papafrancesco che si è presentato nella pescheria di Giulietto Muggine in via della Lissa 46, a due passi da Piazza del Popopoppoppoppoppo, per comprare mangiatutto a scoppio. Secondo quanto riferisce Radio Vaticana, arrivato in pandino 750 smarmittato, è entrato nel negozietto a sigarettina accesa, mentre all’esterno si è formato immediatamente un capannello di persone e 25 giornalisti casualmente lì da tutto il mondo.

Il pescivendolo ha raccontato che il papa, al momento di pagare, gli avrebbe sussurrato all’orecchio “In esto momiento soy spiantos como una puta sdentada de ottant’anos. Completamiente senza dinero. Te lo paga dios amigo“.

Pippo Franco: “Ho visto apparire la mardona, non la madonna. Hanno sbagliato scrivendo”.

20140824_pippo-franco.jpg.pagespeed.ce.xkRJMuxUZE

Nasa (Iuesei) : Erano state forti le dichiarazioni di Pippo Quanto Pippo Franco, ex conduttore di corrente elettrica, che, secondo il quotidiano “A visioni”, avrebbe visto la madonna in un bowling pub a Glasgow mentre mangiava il suo panino con la cotolengo e la sua Coca Cola light. L’ex presentatore del “Bagassìno”, trasmissione seguitissima in Burundi, secondo l’attendibile quotidiario, avrebbe detto a voce alta “ma guarda te quella madonna che mi sta rubando la cena”. A due metri di distanza, il giornalista Teddy Raspa, che avrebbe mandato immediatamente un MMS al direttore di “A Visioni” Don Long John, comunicando l’accaduto. Dopo circa due ore, sulla versione On Lain del quotidiario, la notizia che ha fatto il giro del Uebbe “Pippo Franco: ho visto apparire la madonna”. Ma Pippo Fracchia, dal suo profilo Badoo, ha subito smentito l’accaduto, spiegando il quì pro quod: “Non ho visto apparire la madonna ma una madrona. E’ lei che mi stava mangiando il panino. Mi sono indignato col proprietario e mi son fatto rendere i soldi e me ne sono andato”. Stamane le scuse del direttore di “A visioni” e del giornalista Raspa:”sei sicuro che non hai visto male? Magari ti sei confuso tu, non noi”.