Asserire di conoscere Salvo del Grande Fratello 1 per scongiurare multe

salvo

– “Cosa c’è signor maresciampo? Cercando la droga?”
– “Un tantino di fretta signor Buzzetti? Sa che il limite é 50 e stava andando a 140?”
– “Ma è giusta la vostra macchinetta? Comunque, non vorrebbi dirglielo, ma sono amico fratello di Salvo del Grande Fratello, due piccioni kon una fame proprio. Come la mettiamo? Facciamo finta che non mi avete mai visto in vita tua?”
– “Salvo il pizzaiolo? Mi scusi signor Buzzetti, errore nostro. Potrebbe chiedergli un autografo con dedica? Gli faccia scrivere, <<con affetto, una nominescion per maresciallo Manetti, sempre fedele, baci baci>>”.

Isola dei Famosi: Multa a Mediaset per aver gettato Simona Ventura sull’isola.

isola

Plastica gettata in spiaggia: maxi-multa a Mediaset per aver buttato Simona Ventura sull’isola.
100 biliardi di dollari, questa la cifra che Mediaset dovrà pagare per aver gettato la soubrette sulla spiaggia di Callons Conchynos, in Honduras.
Secondo gli scienziati, i danni che potrebbe provocare l’ex conduttrice di “quelli che il cazzo”, sarebbero incalcolabili.
“Smaltire tutta quella plastica è praticamente impossibile”, afferma John Mario Pratoverde, scienziato dell’Università della strada. Intanto il buco dell’azoto sarebbe cresciuto di qualche kilometro.

Sulla metro senza biglietto. Pene enorme multato a Monserrato.

08midlandrailway3

“Cosa nasconde dentro i calzoni?” – “Niente signor controglione” – “Lei nasconde un bambino. Lo porti fuori e favorisca anche il suo biglietto” – “Non è un bambino signor controglione, è il mio pene”. E’ così che il signor Brunetto Nerchia, 43 anni, laureato in elemosina, ha dovuto pagare una multa di ben 38 euro al controllore dell’Arsht, Pierpaolo Barrosu, salito alla coatta nella metro diretta in Piazza Jella, solo perchè dotato di un grosso membro. Il quì pro quark sarebbe stato generato da una frase di un amico del signor Nerchia, Francolino Daidai, che, riferendosi in modo scherzoso al prodigioso pitone del compare, lo scherniva a voce alta dicendo:”Lì ci vive gente”. Il controglione, sentita questa frase e dato uno sguardo al rigonfiamento nei pantaloni della canadese Adibas grigio pigiama del signor Nerchia,  avrebbe immediatamente preteso il biglietto anche per il viaggiatore mascherato. “Ma dove la shtiamo finendone? Adesso uno ched’è mazzabrutta ne deve pagarne pure il biglietto per la minca? E’ allucinogeno questa cosa” – avrebbe dichiarato Daidai, l’amico del protagonista della sfortunata vicenda.