Insulta la Lucarelli su Facebook: capo lo promuove da saldatore a vicepresidente

lucarelli

Porto Toner: si chiama Tore Salda il 32enne saldatore sardo che, nel giro di pochi giorni, é diventato il nuovo vicepresidente della “Santa Sarda Salda Essepià”.

Tore, appassionato di social e admin del celebre gruppo Facebook “Seghe Bitter e Agricoltura”, avrebbe insultato la journalist del Fatto Quotidiario, Selvaggia Lucarelli, definendola una “Belèn”.
L’ex concorrente della Fattoria, dopo avergli dedicato un post lungo 433 kilometri su Facebook, non ci ha pensato sei volte prima di telefonarlo, in diretta radiofonica, con l’intento di fargli perdere ragazza, verginità anale e posto di lavoro.

Tore, convinto che si trattasse di uno scherzo di un Giannetto, il suo vicino di terreno, ha risposto con rutti e peti a ripetizione. La Lucarelli, ancora più adirata, ha subito chiamato il presidente della Sarda Sarda, John Peter Capoccioni, il quale, dopo aver sentito la storia, ha cominciato a ridere e ha promosso, in diretta, il suo dipendente, aumentandogli lo stipendio da 700 a 7mila euro, più macchina aziendale e buoni pasto da 100 euro al giorno.

Tore, qualche giorno dopo, ha nuovamente scritto un post su Facebook, taggando la giornalista e definendola una “Belèn al quadrato”.
Sta ancora aspettando la sua chiamata, nella sua villa a Miami.

#fakenews

Facebook: arriva tasto per segnalare le “PERSONE FALZE”.

falze

Uoscinton Dissì – “Pugnetto duro” (parole testicolari) di Mark Zuckerberg contro “laggente falza”!!1!
Con un lungo post sul suo profilo Twitter personale, il fondatore di Feis ha deciso di condividere con gli utenti il piano per arginare “laggente ke ti cerca solo quando ne abbisogno“.
“Un paio di settimane fa – scrive su Badoo – mentre mi facevo un bidè alle erbe, ho esposto alcuni progetti su cui stiamo lavorando per costruire una comunità meno falza, per combattere quelli che “non si fanno sentire quando non gli servi più“.
Oggi voglio condividere parte del lavoro che abbiamo inziato a fare, tramite l’ausilio di MySpace”.
Il tasto avrà, a differenza del LIKE, il dito medio come simbolo e premendolo, l’algoritmo, in automatico, segnalerà quella persona come FALZA, vi aiuterà nella PULIZA KONTATTI!!1! e il suo profilo non riceverà più KAFFEE, emoticons di #canicheleccano, né tantomeno POKE.
Mark, ha lasciato la conferenza stampa in anticipo perché si stava cagando addosso per via delle cozze crude di pranzo.

Vekkiminkia che su Facebook offrono kaffèèè 23 ore su 24

kaffèèè

“BUONG1ORN1SS1MO AM1C1 D1 FEISSSS! PENA FATO IL kaffèèè. KI NE VUOLA UNA BELLA TAZINA FUMMANTE KE STA SALENDO ADESSO CRRRR??”
commenti:
– posso averlo gia zucheratto?

– cuanto ne vuoi di zuchero?

– fai un kucchiaino é mezzo se non e molto fortee

– Okkei. Uno e metà. Ekka te. Te l’ho gia giratto . Però aspeta due sekkondi ke e bollenteee

– Aiaaa.. tropo tardi ihihih. Dalla fretta mi sono brucciato la l’ingua. Però davero in tenso. ke marka e?

– E delle makkinete. Sono in fabrika Gianni, pausa kaffèèè

– Ah ekko. grazzie. la tazina lappoggio nel lavandino?

– Nooo.. lascia pure sul tavolo ke tanto dopo devo riordinare ihih

– buonag1ornata alloraaaa. ke il sole ti splenda degli okki

– buong1iorno anke ha teee.. non girarti delle persone false, rikordatelo!1!

Coffee and TVB.
A v3kk1m1nk14 persone non piace questo elemento.

 

I 5 modi per capire se la figa che ti ha aggiunto é un fake

figa

Buongiorno, sono Enrico e in questa puntata aiuterò i maschietti a capire se un profilo é fake o meno.
Anche io ricevo richieste d’amicizia da pezzi di figa eh, solo che, ad esempio, noto subito che, tra gli amici in comune, ci sono esclusivamente esseri dotati di pene e per giunta i più “deceduti di bernarda” della contea.
E, non ci crederete mai, a quel punto mi faccio qualche domandina.

Considerato che, invece, continuo a vedere persone che non si chiedono un cazzo e, anzi, cercano pure di interagire con queste ipotetiche fighe (“Ei bella, grazie della micizia”), inconsapevoli del fatto che potrebbero benissimo essere nigeriani tregamba della tribù dei mazza brutta, ho deciso di rendermi utile e di stilare questa lista che vi permetterà di riconoscere se un profilo é fake o no.

++ 1) E’ un pezzo‬ di ‪#figa‬ clamorosa

Girate per la casa, cercate uno specchio, guardatevi e pensate: può, un tronco di figa così, voler interagire con me che non son di certo Raul Poba, indosso una canotta bianca con una chiazza di sugo in pancia e che, in certe serate, ho difficoltà anche a limonare con una rotoballa ubriaca? Per giunta in alcune foto é bionda, in altre é rossa, mora, scura, chiara, giapponese, birmana e indiana d’america. E se non fosse sempre lei? E se non lo fosse mai?

++ 2) Ha come amici in comune i più ‪‎morti‬ di figa della provincia

Secondo voi, una così, va a cercare Marcolino orecchie a parafango, Ginetto denti a pianoforte e Pasqualino fragh’e cotechino? Che poi sono gli stessi che utilizzano Facebook per commentare tette e culi a tutto spiano, credendo che nessuno li possa leggere: “mmmmm che capezori che ciai”

++ 3) Non ha foto nelle quali é #taggata e non ha foto sue nelle quali tagga altre persone

Sapete una cosa? Io credo che una figa clamorosa, magari mi sbaglio, non possa essere sempre sola. Non lo so, magari é una mia supposizione eh. Solo che non ce la vedrei bene Emily CTRL+V, rinchiusa in camera, a farsi foto per noia e a mandare richieste d’amicizia al tuo vicino di casa che impenna col motorino con Diana rossa in bocca e cappellino #ValeRossi46 tarocco, girato al contrario

++ 4) Nella sua bacheca, le interazioni coi suoi post, provengono SOLAMENTE da profili di individui dotati di MINCA, come te.

Certo che questa non deve proprio andare d’accordo con le ragazze, ma si trova bene con Gianni, che rutta l’ultima di Fedez senza bere roba gassata e, l’altro giorno, l’hanno beccato a rubare rame e gli hanno tagliato l’anulare

++ 5) Pubblica link di chiavate e sue foto piccanti

Hey, ma questa é matta. Ha 200 amici, 199 sono uomini e una c’è scritto donna, ma ha il nome della macelleria “REGINA SUINA”, e ha il coraggio di pubblicare contenuti in cui esterna così esplicitamente i suoi desideri e i suoi gusti sessuali e in cui mostra il culo? Sì, hai ragione, effettivamente potrebbe farlo per attirare l’attenzione di gente come Paolo, tuo zio 55enne scapolo, che l’ultima volta che ha visto una figa era a Colpo Grosso e che, su Facebook, come immagine del profilo, ha quella foto in bianco e nero, prima che perdesse i capelli, coi pantaloni a zampa di tigoddidi e i baffi come il pescatore del tonno insuperabile.

Oh, comunque, magari é veramente il suo profilo eh.

Magari sbaglio io, che ne sai?

Quelli/e che, all’indomani di una serata con le amiche, fanno la telecronaca su Facebook

serata

– ahahahah senza serata iesterieri! Ma kuanto kazzo c syamo divertitte da uno a sempre @Giulia Senzasaperequando Zampogna ?
– ahahahah senpre virgola molto amo. ihihih. Voiamo parlare di kuando cuei ragazzi senegaliani ciànno oferto i baccardibriser alla banana. Molto ke esiste veramente ahahahah. Sekondo te non la biamo kapito subito ke stavano cercando conti ihihih. Sincera? Se non ciavevano odore di magazino in campagna di nonno me lo faccevo ofrire volentieri @Marta Sesientecaliente Bussone? E tu?
– ma non sei bagassa gnente ihih. cmq non erano senegaliani, erano de Lafrica anno detto. Ha un certo punto cuando sono andati dal diggei ke stava mettendo solo rivaivol e li anno dato quei ciddì masterizzati di regghetton da mettere, lì lielavrei anke data ihih. Solo ke cuando stavo tuercando e li o fatto tastare poko poko il movimiento secsi, si e sentito ke ciavevo un fucile puntato e mi sono spaventata e inventata la scusa ke mi stavo kagando a dosso. ihihih. ci anno anche kreduto perkè ogni tanto kualcuno si stava sgasando in pista ihih. C’era odore di gorgonzola skaduta ieri cess. ihih però bellambiente alla fine
– sì amo, da tornarci in mediatamente <3

Telecroniche.

A noncenefotteuncazzo persone piace questo elemento.

Ragazzi che tramutano i like in indiscutibili chiavate.

chiavate

– “E’ fatta Paolè. E’ fatta. A breve vedrai incredibili chiavate in arrivo con Adriana Ligas

– “E non dirne. Racconta”

– “Praticamente 3 settimane fa ho pubblicato quella canzone che si intitola “Alga Chiara” di Vasco Rossi, che lei è vascodroghinizzata (o come si fanno chiamare i suoi fan?) e sta fisso pubblicando canzoni di Blasto. Dopo due ore, notificazione:
A Adriana Ligas piace questo elemento.
Là, mi son detto tra me e io, questa sta cercando cosa.
Vabbuò. Rimettiamola alla prova.

2 settimane fa ho pubblicato la scena del Titanic (che mi fa pure cagare a spruzzo) di quando lui la appuntella nella punta della nave , che lei é sempre stata innamorata di peppino di caprio. Un’oretta dopo, bustina rossa e TAC:
A Adriana Ligas piace questo elemento.

E ha pure commentato scrivendo “bellissimo”, sicuramente riferito a me.
E due. A quel punto mi son detto: vediamo se sta proprio cercando minca da me o cosa.

Settimana scorsa, per essere proprio sicuro, la prova finale: ho pubblicato la pagina facebook della macelleria del padre, “da Pasquale solo carne di maiale”, ha 28 fan che son quelli del suo vicinato. Ho condiviso la pagina scrivendo “ho preso l’ossubuco da Pasquale, una bomba raga”.
Aspetto 40 minuti e zaaac:
A Adriana Ligas piace questo elemento.
E mi ha pure scritto “grazie” nei commenti, eh.

A quel punto basta, non mi trattengo, prendo e le mando un messaggio privato su Facebook:
“Ciao Adry, ma sbaglio, o magari é la mia impressione, che mi vorresti coddare molto molto? Ah ah, ti sei fatta beccare. Fammi sapere che se ne stai cercando ne trovi anche”.

– “Ma sei matto. E beh? Lei cosa ti ha risposto?

– “Boh. Sicuramente non le funziona il computer perché vedo il suo nome e cognome in grigio”.