Uscire dall’acqua dopo 3 bracciate e sentirsi il fisico di Ian Thorpe

acqua– “Oh Gimmy, rimani a purdiare sotto l’ombrellone fumando porri o vieni a farti un cazzo di bagno in acqua così ti stacchi un po quelle mosche di dosso?”

– “Vamos, correndo, un, dues, tres .. SPLASH… SPASH SPLASH YUUU. IO ESCO, VADO A GIRARMI UN CANNONE”
– Di già??? Mandroneddu
– ESCOOOO (mmmm UAU jimmy, ma sai che non sei affatto male fisicamente? Adesso fai finta di niente, fissa quella pivella, fissala. Hey baby, ti piacciono i miei cinquicipiti, vero? Disigia baby, non mi puoi avermi. Però dove ho messo le cartine, porcabbagassa) ”
Stile biberon.

A songonfioperso persone piace questo elemento

Quelli che “LA SARDEGNA, UN PARADISO” e poi lasciano le peggio scorie in spiaggia.

sardegna

– “Questa é la Sardegna gazz, senza parole zio. Squartarata di tramonto ahnò? Svisa. Spettacolo puro questo cazzo di mare raga, una bomba. Ci credete che mi viene la pelle d’orca per la fortuna che siamo di questa terra, se ci pensi? Il mare cristallineo, la macchia mediterracqua, le specialità cucinaree, i Tezzenda, la figa e le tradizioni tipo i mamuttores, la sardiglia, il maialetto e altre storie. Ma lo sapevi che quel cantante Deandrea aveva scritto una storia tipo “la sardegna forse che é paurosa a livello di coste,montagne, altre cose ed é il posto che dio ha creato come sedè il paradiso” Dopo lo scrivo anche su facebook questa cosa profonda gazz”

– “Gigi, paradiso paradiso, ma raccogli le bottiglie di birra che sembra che abbiamo un fatto un cazzo di rave abusivo in spiaggia, rcabbagà. Fiasta accanta de lassai eternit puru cunneziarua”

– “Mattagaa.. minca ma stai sterzando ghe mi porto tutta questa aliga in macchina. Ma zero. Secondo te mi metto il pudesciori di birra nel cofano che dopo devo uscire con una tipa moldava? Sigò, tanto cosa ti credi? Passano a pulire, sicuro. Male che vada il mare lo porta dall’altra parte, cosa c’è l’Albania? Chi si goddinti che vengono ad invaderci coi gommoni”

– “Oh Gigi gazz… lo prendo io, po caridadi”

– “Eh ashcò, ma fai il cazzo che vuoi. Oh. Aspè che prima di andare che faccio una foto che la pubblico su instagazz.

‪#‎sardegna‬ ‪#‎paradiso‬ ‪#‎natura‬ ‪#‎instabeach‬ ‪#‎spettacolo‬ ‪#‎sugunnu‬‪#‎spaccatroddi‬ ‪#ecologia #‎acquaazzurraacquacalma‬ ‪#‎deandrea‬‪#‎lasardegnalecosteelealtrestoriechediohapensatocomeilparadiso‬

STORIE D’ESTATE: la partita di calcio in spiaggia.

calcio

Estate, caldo, spiaggia affollatissima.

Cricca di ragazzini pieni di vita, ormoni a palla, che organizza la finale di Champions League in mezzo agli ombrelloni e agli asciugamenti degli altri felicissimi bagnanti.

I due capitani, quelli che picchiano più degli altri, formano le squadre. Due infraschizzo e due tubi di ombrellone come pali, un tango come pallone, in modo che, al primo stop o tiro, il pallone prenda traiettorie random alla Holly e Benji.

Tracciano le linee del campo, dritte come il naso di Chiellini dopo il consueto scontro di gioco, arbitra nessuno, come sempre, perché tutto é concesso: calci, pugni, schiaffi, sgambetti, bestemmie.

Iniziano, litigano, corrono, sudano, urlano, segnano, esultano, sbordano, sollevano sabbia, sporcano asciugamani, sputano, distruggono ombrelloni, ruttano, rovinano pennichelle, generano bestemmie.

Puzzano di ascelle, birre del discount, fogna ed ormoni, si falciano, compiono placcaggi, rovesciate, tacchi, gomitate, vecchiette, falli da dietro, gambe tese.

Non pensano a nulla, inseguono il pallone che cambia traiettoria nell’irregolarità della sabbia che nasconde cicche, plastica, vetro, pezzi di legno, spine, stecche di gelato e pietre, anche appuntite.

Un ragazzo, solo davanti il portiere, carica il tiro e “AHIIII”, a terra: falciato da dietro dal cattivone di turno, calcio di rigore, per forza.

Nessuna polemica, il fallo é evidente, il ragazzo non può più camminare, é a terra, dolorante. La sua Estate é finita oggi.

La signora dell’ombrellone accanto sorride e senza farsi vedere sussurra al proprio marito: “CHE PECCATO GUARDA “.

Nessuno si avvicina a soccorrerlo, NESSUNO.

Ma la partita continua, c’è la birra al chiosco, quella di marca, in palio.

Il ragazzo più grande e cattivo di tutti si incarica di battere il rigore, si impone con la forza, spingendo i compagni e nessuno si permette di contraddirlo.

Il suo cervello elabora un solo dato: TIRARE FORTE, FORTISSIMO.

Vuole solo segnare, tirare con tutta la propria potenza e fare MOLTO rumore.

Non gli importa di nulla: non gli importa se, una volta colpito il pallone con tutta la propria forza, quest’ultimo possa finire in faccia ad un bambino o nei testicoli del bagnino o sul naso di una ragazza dal viso assai carino.

Vuole solo il goal, per poter esultare facendo il “gancio più dito medio” al portiere, urlare a squarciagola, correre dove cazzo capita e sporcare tutti gli asciugamani possibili.

Si prepara, guarda il pallone, prende la rincorsa, pensa al ragazzo che gli ha rubato la ex fidanzatina storica, si incazza, carica il tiro con tutta la potenza che ha a disposizione e………………………… SBBBBBBAAAAAAAAAAAMMM….. “AHIIIIIIIIII AHIIIIIIIIIIII AHIIIIIIIIIII AHIIIIIIII”.

Il ragazzo si accascia a terra, perde sangue, vistosamente.

Il portiere si avvicina sul punto in cui é stato battuto il rigore e sotto la sabbia nota una pietra, molto molto appuntita e tagliente.

Il ragazzo continua a perdere sangue, la gente lo guarda e ride ma nessuno si avvicina. Il sangue sgorga come un fiume.

Ad un certo punto si avvicina un vecchietto: baffi bianchi, pochi capelli bianchi e occhiali da vista colorati, forse un dottore.

“Sembra Gino Paoli” dice, ridendo, uno dei ragazzi.

Il vecchietto si avvicina al ragazzo più grande, più cattivo e più molesto di tutti, quello che sanguina e piange come una femminuccia.

Si avvicina, si inchina lentamente poggiando un ginocchio sulla sabbia, raschia la gola come se si stesse preparando a dire qualcosa di importante, lo guarda, sorride e ,con voce romantica, comincia a cantare:

“SAPORE DI SANGUEE… SAPORE DI MALEEE”.

Ronfare in spiaggia come un decespugliatore e al risveglio ritrovarsi con la carnagione di Massimo Bossetti.

spiaggia

– “Mincheguaina, ma Alfredo russando come un compressore caricando sotto il sole? Tutta la spiaggia girata. AHAHAH son le 2 di megamma, quello é bianco come un moribiondo, se rimane un’altra mezz’oretta sembra Bossetti, che ogni volta che lo inquadrano i colori della televisione sono sflesciati. Ustione di terzo grave assicurata”
– “Dai che sei bastardo e sveglialo con una tzugata in pancia”
– Ma si goddidi. L’altra volta quando stavo dormendo io non mi ha svegliato e mi ha disegnato una minca con su scritto “minca” nella schiena con la crema protettiva. Fillebagà gliela rendo troppo”.

Commentare scrivendo “Sì, ma i Marò?” foto di tizie in spiaggia.

marò

– #instabeach #summer #beach #amiche #instabikini #beautiful #calippoallacocacola #facendodisigiare #friends #beauty #amichebagasse #blue #topmodel #fun #cool #forever #happy #vorreilapellenera #blonde #misonbruciata #foil #chimimettelacrema .
– “Ok, ma i marò?? Nessuno pensa ai marò?”
– Emma Marò? Eh?????
– Tutti al mare e nessuno che pensa a loro. Ridateci i MArò!!!1!

Mondo Ichinusa 2015, nomi quasi certi: dagli Iron Maiden a Gianni Bella.

ichinusa

ORISTOWN. Il 3 e 4 Luglio torna Mondo Ichinusa, nella spiaggia di Marina di Torregrande e le prime indiscrezioni fanno già sclerare. Dagli Iron Maiden a Gianni Bella, dai Muse ai Ragazzi Italiani, dai Pearl Jam a Peppineddu Coddapaiolusu. Ma non solo. La lista dei papabili si allunga di giorno in giorno e, a questi nomi oramai certi, si aggiungono i Foo Fighters, Gerardina Trovato, i Soundgarden, Giorgio Mastrotta & Materassi’s Band, The Beatles, Motoretta (from Chiagliari), i Queen, Orietta Berti, Burzum, Davide Mengacci, i Green Day, Pino e Daniele, Alexia, i Dream Theater, Skin, i Negrita (per la prima volta in Sardegna), The Doors, Ambra Angioini e Pitbull Feat. Tutti. Durante la manifestazione, che conta oltre 3000 tipi di birre burde portate da casa, verrà anche venduta la birra Ichinusa.

Quelli che quando Salvini governerà l’Italia non andranno più al mare.

salvini

“Oh… ieri sono andato a manifestarci tutto per sopportare Salvini. Minca, un grande. Ma questi cazzo di in migrati extra comuni tardi ne*ri? Non ci stanno arrovinando? Fazzoletti, cd, shcarpe, parcheggi e si coddano pure le noshtre tipe. Mallascallonisi. Hanno preso alla punta della minca hanno preso. E poi li danno anche 50 euro al giorno, un pacchetto di sigarette, visto e al loggio per spacciare e comprarsi l’Aiffon e le Airmacs. SOLDI NOSTRI SONO!!! Poi uno non deve beshtemmiare vero? Sed’ero io al governo? Come minimo mi facevo un giro per Chiagliari, cercavo tutti questi ne*ri e li mettevo in un motoshcafo deshtinazione sugunnesamamma bagassa. Ghe se ne tornino in Affrica a correre a minca fuori”.

“Oh Pinuccio. Ma cun calli coraggiu du su zerriasa di aicci? Se si fanno un giro a Chiagliari, da Maggio a Novembre, per cercare gente shcura, pinniganta a tui, sa famiglia dua e il novanta per cento dei chiagliaritani. Ma chi candu bandasa tres bortasa a mari mi parrisi Idris cussu iuventinu nieddu che sa pixi ca ci fiada sempri a “quelli che il cazzo”, ti d’arragodasa? O asinunca su tippu ca ci fiada me is caramellasa TABBU’, ua passad’e minca a cù olliasta candu narasa custas cazzarasa.